Quantcast

Raffaele Poggio si racconta a IGOSSIP.it: intervista al cantante e attore

Raffaele Poggio si racconta in esclusiva e anteprima ai microfoni del nostro sito IGOSSIP.it. Il bellissimo e sensuale cantante, attore e modello torinese è il protagonista dell’intervista di oggi. Conosciamolo meglio, scoprendo alcune curiosità sulla sua vita pubblica e privata. Buona lettura!

Raffaele Poggio – Foto: Facebook

Benvenuto Raffaele Poggio, come sta?

Grazie mille, molto bene. É un periodo produttivamente molto intenso e sono attraversato da una creatività artistica molto forte che appaga mente e spirito.

Come si descriverebbe in tre parole?

Consapevole, spirituale e colorato.

Qual è il suo motto di vita?

Vivi ogni giorno come fosse l’ultimo e amati, perché se non lo fai tu per primo come possono farlo gli altri?

Quali sono i suoi valori e ideali?

Sono consapevole di essere in questo universo come energia che va oltre il corpo e la mente che spesso ingannano il nostro modo di pensare e agire. Credendo molto nella legge di attrazione e seguendo i principi della filosofia orientale, lavoro quotidianamente per vivere in modo positivo la mia quotidianità, accogliendo pensieri negativi ma facendoli scorrere perché determinato ad attirare e vivere di positività. Per questo motivo sono molto dedito all’ascolto della parola altrui che rispetto profondamente. Ci sono problemi più grandi di noi al mondo per cui siamo veramente molto piccoli ma appunto nel nostro modo di vivere possiamo accogliere il bene e restituirlo veramente a chi incrociamo sul nostro cammino. Se tutte le persone tenessero in considerazione questo aspetto, sicuramente starebbero meglio e farebbero star meglio anche gli altri.

L’11 novembre scorso ha lanciato il suo nuovo singolo dal titolo Dejas Huellas. Qual è il significato del brano?

Il brano, distribuito da etichetta MoovOn e prodotto da Transeuropa e Etha Studio, è la mia espressione autobiografica più completa finora. É una canzone d’amore per l’arte. Come ogni rapporto, spesso capita di riporre troppe aspettative nell’altra parte e ci si aspetta che un ritorno proporzionale a quanto si è investito (in questo caso, allo studio e alla fatica dei sacrifici) ma non è così. Spesso l’artista sconfortato dal non vedere ciò che si aspetta, cade in una fase di blocco creativo che supera poi ritrovando sé stesso e il suo grande amore per l’arte che come ogni sorta di amore non deve basarsi su quanto torna indietro. Il vero amore è dare in modo incondizionato e farsi travolgere dalle emozioni. Questo rappresenta per lui il tallone di Achille degli artisti e l’ho voluto esprimere nel videoclip sotto la regia di Gianfranco Busanca come il suo grande spettacolo della vita fatto di musica e recitazione sotto la supervisione di un castista (sé stesso) che ne valuta la qualità.

Com’è stato accolto questo suo nuovo brano dai suoi fan, famigliari e amici?

Dopo QUEDATE CONMIGO, brano molto commerciale, uscito a luglio e arrivato nella classifiche artisti indipendenti, avevo l’esigenza di parlare di nuovo di me con il cuore come avevo già fatto anni fa con la canzone CUORE ROSA per mia mamma o con altri brani come 1000VOLTE, FAVOLA MODERNA o LITTLE MONKEY. Per quanto ami molto i brani pop o latini molto commerciali basati su belle e ridondanti sequenze melodiche, ritorna spesso la necessità di lasciare più spazio al mio cuore e questo le persone che mi seguono e ascoltano la mia musica, lo gradiscono molto perché si identificano nelle strofe che canto, visto che tratto sempre diverse argomentazioni e per questo motivo hanno molto amato DEJAS HUELLAS perché mi mette a nudo non solo come artista ma anche come persona con tutte le sue debolezze.

Durante la sua carriera di cantante ha incontrato diversi ostacoli e muri?

Sono stati tantissimi. Vede, all’inizio del mio percorso e fino a qualche anno fa li identificavo proprio in questo modo. La pandemia mi ha donato molto tempo per studiare e riflettere, essendo rimasto fermo e proprio avvicinandomi a nuove filosofie e modo di vivere, ho iniziato a vedere quegli ostacoli e muri, solo come prove a cui ero sottoposto. Ho sempre la facoltà di scegliere se farmi sconvolgere e mettere a terra o riconoscere essi, accettarli e andare avanti con tutta la forza che ho, focalizzandomi sui miei obiettivi. Tutto in ogni caso dipende alla fine sempre dalle mie scelte e volendomi bene voglio il meglio per la mia vita.