Quantcast

‘Ndrangheta: fermato Franco Terlizzi dell’Isola dei famosi, la stoccata di Selvaggia Lucarelli

‘Ndrangheta: fermato Franco Terlizzi dell’Isola dei famosi nell’ambito di una indagine coordinata dalla dda milanese e condotta dai Nuclei di Polizia Economico-Finanziaria della Gdf di Milano e Pavia, con il supporto del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata di Roma. La notizia è stata diffusa dall’Ansa e ha fatto rapidamente il giro della Rete ed è approdata nei salotti tv.

Franco Terlizzi – Foto: Twitter

Sull’Ansa si legge che l’ex pugile e pr dell’Hollywood, passato alla ribalta delle cronache per aver partecipato negli scorsi anni all’Isola dei Famosi, secondo gli accertamenti, sarebbe uno dei prestanome di Davide Flachi, il figlio di Pepè, il boss della Comasina, morto a gennaio.

La notizia è stata commentata sui social anche dalla famosa e popolare opinionista tv, scrittrice, giornalista e giurata di Ballando con le Stelle, Selvaggia Lucarelli.

La mamma vip ha scritto su Twitter: “Nel 2018 ho scritto un lungo articolo su Franco Terlizzi (che in quel periodo definivano orso buono all’Isola dei famosi) e la sua vicinanza sospetta con troppi esponenti della malavita. Uscì dall’isola e neanche 10 giorni dopo mi arrivò la sua querela. Oggi è stato arrestato”.

Selvaggia Lucarelli su Franco Terlizzi: “Lui è vicino alla ‘Ndrangheta”

Selvaggia Lucarelli – Foto: Instagram

All’epoca Selvaggia Lucarelli aveva rivelato: “Francone non è stato solo un pugile ma anche il responsabile della sicurezza della discoteca Hollywood per conto di Francesco Piccolo, considerato luogotenente del clan Flachi, ovvero ‘ndrangheta. Era amico di Giuseppe Flachi (ora in carcere per mafia ed erede di Vallanzasca), fu pizzicato in numerosi incontri con esponenti della malavita (talvolta organizzati da lui) e in numerose intercettazioni agli atti di varie inchieste”.

Selvaggia aveva poi asserito: “Franco Terlizzi ha molteplici collegamenti con la criminalità organizzata. Il fratello Pasquale ha precedenti per i reati di associazione a delinquere, rapinaed estorsione. Lo stesso risulta, inoltre, essere contiguo al sodalizio mafioso capeggiato da Savino Parisi, detto Savinuccio, descritto dalla Sezione Anticrimine di Bari come elemento carismatico della criminalità organizzata barese”.

La giornalista aveva poi aggiunto altri particolari scottanti: “Nell’inchiesta Caposaldo Terlizzi viene descritto come personaggio in contatto non solo con Flachi, ma anche con personaggi importanti della ‘ndrangheta e dell’estrema destra come il boss Paolo Martino(soggetto importante della ‘ndrangheta calabrese, è il referente della cosca De Stefano in Lombardia e cugino del mammasantissima don Paolino De Stefano ucciso nel 1985 a Reggio Calabria) e Pasquale Guaglianone, detto Lino, ex tesoriere dei NAR. (nuclei armati rivoluzionari, ovvero terrorismo neofascista). E qui torniamo alla palestra – aveva scritto Selvaggia su Rollingstone.it -, perché la palestra Doria dove Terlizzi gravita è appunto di proprietà del figlio di Lino Guaglianone. Terlizzi è un uomo di fiducia di Guaglianone. Terlizzi subisce perquisizioni dalla Dia e risulta essere il suo tramite in vari incontri con malavitosi nonché suo autista e uomo di fiducia”.