Quantcast

Moda sostenibile: second-hand e scelte responsabili

Moda sostenibile: second-hand e scelte responsabili. Il 3 dicembre 2022 il nuovo pop-up store di Swappie, che ha aperto le porte alla città di Milano lo scorso 23 novembre, ospiterà un talk dedicato all’economia circolare applicata a due settori in forte crescita: quello tech e il fashion. Protagonisti Swappie, azienda leader nel riciclo e riutilizzo di smartphone, e Orange Fiber, un pioniere della moda sostenibile prodotta dagli scarti degli agrumi.

L’interesse per il pianeta e per un futuro migliore trascende infatti dai campi di appartenenza, ma è una vera e propria filosofia di business volta alla creazione di prodotti di qualità, a basso impatto ambientale. Nella loro diversità, i due brand sono infatti impegnati parallelamente per raggiungere un obiettivo comune: ridurre le emissioni, il dispendio energetico e diffondere consapevolezza e responsabilità nei confronti dell’ambiente.

Al talk interverranno Elena Garbujo, Country Manager di Swappie Italia, ed Enrica Arena, CEO e CO-founder di Orange Fiber, con la moderazione dell’influencer Sveva Fischetti, appassionata di moda sostenibile. L’incontro sarà un’occasione per poter raccontare esempi di business virtuosi e sensibilizzare i consumatori sulla possibilità di scegliere prodotti e brand che possono fare la differenza, offrendo soluzioni che, nel tempo, possono aiutarci a salvare il Pianeta.

Orange Fiber – Trasformare lo scarto alimentare in una risorsa incredibile ad alto valore aggiunto

Usare gli scarti degli agrumi per produrre abiti è stata l’intuizione creativa grazie alla quale Orange Fiber ha dato vita a un tessuto sostenibile poiché, utilizzando un sottoprodotto destinato allo smaltimento, riduce lo sfruttamento di terra e acqua, l’uso di pesticidi inquinanti e l’impatto della produzione tessile sul nostro pianeta.

Swappie – Scegliere iPhone ricondizionati aiuta a diminuire le emissioni di CO2

3% delle emissioni globali: sono le tonnellate di anidride carbonica rilasciate dal solo mercato degli smartphone, pari a svariate milioni di tonnellate. Swappie, che ha creato un modello di business circolare sicuro ed efficace, offre ai consumatori iPhone ricondizionati che producono il 78% di anidride carbonica in meno rispetto a un device nuovo.

L’appuntamento è presso il pop-up store di Swappie in Ripa di Porta Ticinese 61, a Milano, alle ore 14. Swappie invita gli ospiti a portare con sé il proprio vecchio device non funzionante e consegnarlo all’interno del pop-up, per contribuire alla raccolta di 50kg di smartphone da riciclare. Con piccoli sacrifici, costanza e volontà si può avere un grande impatto sul destino dell’ambiente, trasformando uno scarto alimentare in una risorsa incredibile che genera valore e sostenibilità nel settore tessile italiano e internazionale.

A proposito di Swappie

Swappie è il principale punto di riferimento online per l’acquisto e la vendita di smartphone ricondizionati. La sua mission è offrire alle persone un modo per aggiornare i propri smartphone che sia di alta qualità, conveniente e rispettoso dell’ambiente. Swappie opera attualmente in 15 paesi europei, tra cui Svezia, Italia e Germania. L’azienda è cresciuta fortemente nel 2021 con un fatturato di 195 milioni di euro e dalla sua fondazione nell’agosto 2016 a oggi, Swappie è diventata una delle aziende più innovative e in rapida crescita in Europa, espandendo il suo team a più di 1.000 persone e raccogliendo investimenti pari a 171 milioni di dollari (149 milioni di euro). Per maggiori informazioni, visitare il sito: www.swappie.com

A proposito di Orange Fiber

Orange Fiber è un’azienda italiana che ha brevettato e produce tessuti sostenibili partendo dagli agrumi. L’azienda è stata fondata nel 2014 a Catania, dove ha sviluppato un processo per trasformare gli avanzi della spremitura industriale degli agrumi in materiale tessile.

Attraverso una filiera interamente europea, tracciata e trasparente, Orange Fiber recupera il sottoprodotto dell’industria di spremitura degli agrumi trasformandolo in una nuova risorsa a sostegno della sostenibilità.

Orange Fiber collabora con alcune tra le più importanti aziende di tessitura italiane, coniugando e valorizzando innovazione, sostenibilità e Made in Italy. Versatili e senza tempo, i tessuti Orange Fiber si prestano ad essere impiegati per la creazione di abiti ed accessori tessili e possono essere stampati e tinti come i tessuti tradizionali.