Quantcast

Michael Terlizzi sul padre Franco fermato per ‘Ndrangheta: “Aveva delle frequentazioni, ma una cosa sono le amicizie e un’altra il coinvolgimento in attività illecite”

Michael Terlizzi ha commentato il fermo di suo padre Franco dell’Isola dei famosi nell’ambito di una indagine coordinata dalla dda milanese e condotta dai Nuclei di Polizia Economico-Finanziaria della Gdf di Milano e Pavia, con il supporto del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata di Roma. La notizia diffusa dall’Ansa ha fatto rapidamente il giro della Rete ed è approdata nei salotti tv.

Sull’Ansa si legge che l’ex pugile e pr dell’Hollywood, passato alla ribalta delle cronache per aver partecipato negli scorsi anni all’Isola dei Famosi, secondo gli accertamenti, sarebbe uno dei prestanome di Davide Flachi, il figlio di Pepè, il boss della Comasina, morto a gennaio.

Michael Terlizzi tramite l’avvocato Crea ha voluto dire la sua: “Tutto ciò per cui mio padre è accusato non sta veramente né in cielo né in terra. Il mio avvocato provvederà e capiremo cos’è realmente successo, anche se per noi quello che conta è sottolineare sin da ora che è vero, mio padre aveva delle frequentazioni, ma una cosa sono le amicizie e un’altra il coinvolgimento in attività illecite. È stata una doccia fredda, tanto per me quanto soprattutto per mio padre, che ho visto molto amareggiato per tutto quello che sta vivendo e le fandonie raccontate dai giornali. Confidiamo comunque nella giustizia, che saprà dimostrare qual è la realtà”.

La stoccata di Selvaggia Lucarelli

La notizia è stata commentata sui social anche dalla famosa e popolare opinionista tv, scrittrice, giornalista e giurata di Ballando con le Stelle, Selvaggia Lucarelli.

La mamma vip ha scritto su Twitter: “Nel 2018 ho scritto un lungo articolo su Franco Terlizzi (che in quel periodo definivano orso buono all’Isola dei famosi) e la sua vicinanza sospetta con troppi esponenti della malavita. Uscì dall’isola e neanche 10 giorni dopo mi arrivò la sua querela. Oggi è stato arrestato”.