Quantcast

Karma Clima è il nuovo album dei Marlene Kuntz

Karma Clima è il nuovo album dei Marlene Kuntz che è incentrato principalmente sul cambiamento climatico. L’undicesimo progetto discografico della band alternative rock cuneese prende il nome dall’omonimo progetto che ha il fine di unire arte e sostenibilità. L’album è composto da 9 canzoni, scritte da Cristiano Godano e prodotte dai Marlene Kuntz con la collaborazione di Taketo Gohara. Contiene anche una collaborazione con Elisa. Subito dopo il salto ci sarà la tracklist dell’album dei Marlene Kuntz.

All’album, hanno collaborato anche i musicisti Sergio Carnevale, che segue la band anche in tour, Alessandro Asso Stefana, che ha collaborato in passato anche con PJ Harvey, e Niccolò Fornabaio. Gli archi, arrangiati da Davide Arneodo, sono stati registrati in Ungheria con la Budapest Art Orchestra.

Il singolo attualmente in rotazione radiofonica è Vita su Marte. Lo scorso maggio, la band ha pubblicato il singolo La Fuga.

Per questo progetto, i Marlene Kuntz hanno collaborato con tante realtà che si stanno impegnando per la sostenibilità ambientale: Viso a Viso – Cooperativa di Comunità di Ostana (Cuneo), Baladin – Birrificio Agricolo di Piozzo (Cuneo), Borgata Paraloup di Rittana (Cuneo), Fondazione Horcynus Horca di Messina, il MUSE di Trento e la Mole Antonelliana di Torino, in occasione del Festival CinemAmbiente.

Il progetto Karma Clima è stato notato anche dalla Fondazione Symbola, che promuove le qualità italiane che migliorano il paese.

Il tour continuerà nelle prossime settimane, con la band che si esibirà il 4 novembre al Live Club di Trezzo Sull’Adda, il 5 novembre al Capitol di Pordenone, il 10 novembre al Teatro Politeama di Prato, l’11 novembre al Supermarket di Torino, il 13 novembre all’Estragon di Bologna e il 19 novembre al The Factory di Verona.

Karma Clima dei Marlene Kuntz: la tracklist dell’album

  1. La fuga
  2. Tutto tace
  3. Lacrima
  4. Bastasse
  5. Laica Preghiera feat. Elisa
  6. Acqua e Fuoco
  7. Scusami
  8. Vita su Marte
  9. L’aria era l’anima