Quantcast

I tre allenatori più pagati d’Europa nei club 2022-2023

“C’era una volta” un periodo in cui le uniche “star” nel mondo del calcio erano i calciatori. Scopriamo insieme perché.

Calciomercato Guardiola

Da almeno una ventina d’anni a questa parte la tendenza sembra essere cambiata sia a livello mediatico, con allenatori come l’ex Spagna Luis Enrique con migliaia di followers, sia a livello contrattuale.

Ciò grazie alla nascita di allenatori che si potrebbero definire “one man show” capaci di essere vincenti e di attirare su di sé tutte le attenzioni.

Non è difficile adesso che un allenatore sia ad esempio il dipendente con lo stipendio più alto di un club di calcio. Vediamo chi sono i cinque allenatori più pagati dei principali campionati di club europei. 

Lo stipendio di Guardiola fa “riflettere” il Brasile

La nazionale carioca è ancora fuori da un mondiale, e ancora una volta eliminata ai quarti. Un risultato negativo importante per una grande nazionale, che ora punta su un allenatore altrettanto immenso.

Per questo motivo i dirigenti della nazionale sudamericana avevano individuato Pep Guardiola come il possibile successore di “Tite” dopo Qatar 2022.

L’allenatore spagnolo sarà stato sicuramente onorato di ricevere una tale dimostrazione di apprezzamento da una nazione dove il calcio è “religione”, ma la federazione brasiliana ha fatto un passo indietro quando è venuta a conoscenza dello stipendio dell’attuale tecnico del City.

Sono 24 i milioni annuali percepiti dall’allenatore ex Barcellona e Bayern, ma a cui si deve aggiungere la mole di risultati e relativi premi totalizzati con le squadre ogni stagione.

500 mila euro alla settimana per il Cholo! 

L’argentino Diego Pablo Simeone sta vivendo senza ombra di dubbio il momento più difficile della propria breve e luminosa carriera di allenatore.

Le cose all’Atletico di Madrid non vanno bene, e se il suo discendente con il Napoli va a passo spedito verso la conquista della Serie A italiana, torneo di cui si può rimanere aggiornati seguendo pronostici scommesse e statistiche preparate da bookmakers specializzati.

Certo a leggere i dettagli dello stipendio del coach nativo di Buenos Aires, non si direbbe che se la stia passando così male: 500 mila euro a settimana, equivalente di 24 milioni all’anno più, bonus, che però, almeno così sembra, arriveranno quest’anno con maggiori difficoltà, vista anche l’eliminazione dell’Atletico dai gironi di Champions League, essendo finito tra gli ultimi posti. 

Jurgen Klopp sul podio con i grandi 

Il terzo allenatore con lo stipendio più alto d’Europa è un personaggio eclettico, che ha fatto tanta gavetta, e ha portato fino alla finale di Champions League il Borussia Dortmund, e tre volte il Liverpool, per un totale di quattro finali continentali.

Parliamo dell’allenatore sempre in tuta all’anagrafe Jurgen Klopp, che può vantare uno stipendio annuale di circa 25 milioni di euro. In realtà ciò che percepisce l’allenatore tedesco direttamente dal club è molto più “basso” rispetto ai due colleghi sul podio, ma Klopp raggiunge la cifra di 25 milioni di euro grazie a diverse partnership come con VR-Bank, Opel, come commentatore per alcune televisioni. Il coach vanta anche altre collaborazioni con Snickers e Deutsche Vermögensberatung. 

Klopp è infatti ancor più di Guardiola e Simeone, che pur si prestano a diverse pubblicità e sponsorizzazioni, l’esempio vivente che gli allenatori sono ormai delle vere e proprie star, con stipendi e i bonus adeguati a tale status.