Quantcast

Enrico Montesano vuole tornare a Ballando con le Stelle 2022: “Mi devono delle scuse”

Enrico Montesano vuole tornare a Ballando con le Stelle 2022. L’ha dichiarato ai microfoni del programma radiofonico La Zanzara. Il famoso attore e comico ha spiegato: “Mi auguro di essere richiamato. C’è stata una reazione eccessiva ed esagerata, ma alla luce dei chiarimenti potrei tornare. Perché non posso tornare? Potrebbero darmi una penalità, una squalifica per una puntata. Io sono per natura ed educazione pronto al dialogo e a trovare una soluzione di compromesso. La mia squalifica?”.

L’attore Enrico Montesano ha poi aggiunto: “Qualcosa di strano c’è sotto, forse ero un personaggio scomodo che non aveva raccolto alcuna provocazione in sei settimane. Mi sembra una maglietta di distrazione di massa. Qualcuno probabilmente non gradiva la mia presenza lì e hanno preso la palla al balzo”.

Per poi sottolineare: “L’offesa sul fascismo mi offende, mi devono chiedere scusa, devo essere riabilitato, non ho questo tipo di storia. Si sono dimenticati che per vent’anni ho portato tanti voti alla sinistra. Mio nonno era tipografo a L’Unità e la famiglia di mia mamma era antifascista e repubblicana. La mia educazione e formazione è quella. […] Ho messo solo una maglietta che si vede da tanti anni in tutti i negozi online e che ha dei simboli che non hanno nulla a che vedere con il periodo tanto vituperato, che noi ricusiamo e abbiamo sempre denunciato. La decima mas ha preso la medaglia d’oro. Se vai sul sito del Quirinale ci sono i riferimenti, anche sui siti delle Forze Armate e della Marina Militare. Cancellate tutto”.

Il noto attore Enrico Montesano ha poi asserito: “Se avessi indossato una maglia con il Che o Mao non sarebbe successo nulla. Per noi nati dopo la guerra diventano gadget storici che non hanno più nessuna valenza politica. Stavamo provando, abbiamo giocato e scherzato. Era una maglietta per sudare, le avevo finite e ho messo quella. Non mi è stata data la possibilità di spiegare, mi hanno trattato come un mafioso pluriomicida. Mi dispiace per tutti i tecnici della Rai, è una squadra straordinaria”.

Il caso Enrico Montesano

Il caso era stato sollevato dalla giurata Selvaggia Lucarelli sui suoi profili social, scatenando un’ondata di indignazione da parte del popolo del web e dell’Anpi. A nulla sono valse le scuse pubbliche e social di Enrico Montesano.

A seguito delle polemiche, la Rai ha deciso di intervenire, scusandosi con i telespettatori per quanto accaduto e definendo la scelta di Montesano di indossare quella specifica t-shirt durante il programma, inaccettabile. Lui ha scelto di adire le vie legali e ha chiesto un incontro al presidente dell’Anpi poiché ha rivendicato il suo “rigoroso rispetto dei valori della libertà e democrazia” e ha ribadito come l’episodio in cui è “maldestramente caduto” vada imputato a “una leggerezza compiuta in assoluta buona fede”.

La Rai sta indagando per ricostruire come si sia arrivati alla messa in onda del filmato, registrato e montato prima della diretta del sabato sera. Una questione sollevata dallo stesso attore che, annunciando di aver dato mandato al suo legale, Giorgio Assumma, a tutela della sua identità e onorabilità, ha sottolineato che la maglietta era stata visionata a più riprese dai “rappresentanti della Rai” senza che nessuno muovesse obiezioni sulla “regolarità e liceità delle immagini”.

Ora si è scoperto che Enrico Montesano aveva già indossato quella maglia fascista il 5 novembre scorso sempre a Ballando con le Stelle. Milly Carlucci aveva pubblicato la foto di rito su Instagram prima della puntata con la (ormai ex) coppia in gara e l’attore usava la stessa t-shirt incriminata. Il post, dopo lo scandalo, è stato cancellato.