Quantcast

Come scegliere i colori nel trucco monocolor

Un solo colore può offrire una vasta gamma di soluzioni di make-up e regalare un risultato finale strepitoso. Scopriamo come scegliere i colori nel trucco monocolor!

Trucco monocolor – foto pixabay.com

Dalle tonalità più soft ai colori più strong: il colore è un’arma vincente nel make-up, anche quando si tratta di un colore unico.

Il make-up monocolor, lungi dall’essere flat e privo di possibilità, può essere considerato l’evoluzione del trucco naturale da poter sfoggiare sia di giorno che di sera.

Perché realizzare un trucco monocolor?

La maggior parte delle make-up addicted gioca su abbinamenti marcati o contrasti evidenti per conferire dinamicità al trucco, eppure anche un trucco monocolor può diventare interessante.

Questo make-up supera le difficoltà legate alla ricerca dell’abbinamento perfetto e armonioso per i colori di ombretto, blush e rossetto. Tutto viene sviluppato in modalità monocolor.

È perfetto quando si vuole creare un trucco che stia bene con l’outfit (specie se eccentrico) o quando vuole “spezzare” un look troppo rigoroso.

Il trucco è tutto nel saper scegliere la nuance giusta e giocare con sfumature più o meno intense per creare un make-up viso, occhi e labbra.

Più che sulla giustapposizione di colore, infatti, il make-up monocolor si basa sul gioco delle texture e del finish dei vari prodotti.

Come scegliere i colori nel trucco monocolor

Il segreto del trucco monocromatico è rendere il colore protagonista assoluto, ma scegliere la tonalità giusta potrebbe essere più difficile del previsto. Come scegliere i colori nel trucco monocolor?

La prima cosa da fare è capire quale colore si adatta meglio alla propria pelle, cioè al colore e al sottotono dell’incarnato.

Sì ai colori con punte di giallo (es. marrone, bronzo e pesca) se si ha un sottotono caldo e semaforo verde per le nuance con punte di blu (es. rosa e viola) se si ha una pelle con sottotono freddo.

Per capire meglio su quale colore puntare è possibile prelevare un po’ di rosa e un po’ di arancione, stenderli sul dorso di una mano e avvicinarla al viso: se si adatta più il rosa è meglio optare per nuance fredde mentre se si adatta più l’arancione è preferibile orientarsi su tonalità calde.

Dopo aver individuato il colore giusto, quindi, occorre valutare il finish dei cosmetici tenendo a mente le proprie caratteristiche.

Per quanto riguarda il finish, le make-up addicted amanti del finish opaco dovrebbero orientarsi su nuance nude rosa o beige più o meno intense o al massimo su colori rigorosamente sfumati.

Chi ama il finish brillante può optare per una nuance shimmer e miscelarla con la stessa nuance opaca in modo da far risplendere lo sguardo senza esagerare.

Per il resto del make-up è necessario scegliere prodotti per viso e labbra con intensità e finish il più vicini a quelli usati per il trucco occhi. Al più si può ricreare un effetto nude per far risaltare lo sguardo.

Il consiglio in più …

Il consiglio in più nel trucco monocolor è prima di tutto evitare di usare un unico colore vivace sull’intera palpebra mobile se non si vuole cadere nel kitsch.

È meglio evitare il finish troppo opaco o troppo glitterato perché potrebbe appesantire il risultato finale rispettivamente incupendo o sminuendo lo sguardo.

Il modo migliore per valorizzare lo sguardo resta quello di usare matita occhi, eyeliner e mascara (meglio se nero o marrone).

Infine chi è alle prime armi e vuole cimentarsi nel trucco monocolor può optare per prodotti multitasking, cioè prodotti che possono truccare occhi, guance e labbra.