Quantcast

Caso Mark Caltagirone a Verissimo, Eliana Michelazzo su Pamela Prati: “Quando ha fatto la paparazzata sapeva già che lui non esisteva”

Caso Mark Caltagirone a Verissimo: la manager Eliana Michelazzo ha raccontato tutta la sua verità alla conduttrice tv Silvia Toffanin. “Grazie per avermi invitata – ha detto l’ex agente di Pamela Prati alla compagna di Pier Silvio Berlusconi -. Come sto? Sono arrabbiata e delusa. Dopo 3 anni e mezzo si dicono tante bugie. Io sono stata l’agente di Pamela Prati fino ad aprile, giugno di quell’anno. Lei andò a Live e scappò dallo studio. Da lì iniziarono le discussioni. Non ci siamo più sentite. Le ho scritto un messaggio, ma lei mi ha bloccata. Io sono una vittima, più vittima di lei. Io l’ho sempre difesa e mi sono messa seduta in un programma per difenderla”.

Eliana Michelazzo nel salotto tv di Silvia Toffanin, Verissimo – Foto: Facebook

Eliana ha spiegato: “Io a Mark Caltagirone e ai bambini credevo. Ci parlavo e mi scrivevano. Lui mi dava direttive sul matrimonio. Chi c’era dietro al posto di Mark? La mia idea ce l’ho. In questo giro mediatico c’erano delle persone in più. In studio è arrivata una telefonata da Barbara d’Urso e quello era un uomo. Pamela dice che Mark era un collaboratore di giustizia, ma io non ne sapevo nulla”.

Poi ha svelato alcuni segreti e dettagli importanti sul caso Mark Caltagirone: “Io penso che lei inizialmente è entrata in questa storia. L’altra persona che lavorava con me prese confidenza con Pamela e diceva di conoscere questo Caltagirone. Poi la Prati mi disse che lo voleva sposare. Non dubitavo che fosse tutto finto. Poi è uscita una foto di Pamela con un signore con un cappello. Quella paparazzata finta la crearono le due Pamele. E girarono con il loro cellulare tutto. L’altra Pamela accusò Sorge di aver girato tutto. Quando ho visto le foto e la storia Instagram in macchina mi sono detta ‘finalmente c’è una prova’. Pensavo che fosse il vero Mark”.

Ha poi sottolineato: “Pamela Prati sapeva che quello non era il vero Mark. Nessuno l’aveva obbligata a fare quella paparazzata. Queste foto qui sono uscite dopo tante puntate di Live. Poi c’è stata la telefonata da Barbara e non so chi sia stato a chiamare. Io in quella puntata ho ricevuto un vocale di Mark. Lui mi disse ‘se gli accordi non sono quelli che sono io non farò la telefonata’. Loro erano spesso insieme a cena e andavano insieme a giocare al Bingo. Ci sono testimoni. Erano sempre loro due, io ero solo la manager. Però ad uscire erano loro due”.

Anche lei come Pamela Perricciolo ha smentito Pamela Prati in merito ai compensi percepiti da tv e giornali: “Pamela Prati è stata pagata sia per le foto del settimanale Gente che per provare l’abito da sposa. Anche l’atelier ha pagato. Non è vero che non ha preso soldi da nessuno. Anche la tv paga. Lei diete un Iban e quando arrivavano i soldi della rai li prese lo stato. Perché lei ha un debito ovviamente. Ho i messaggi della Rai. Le due Pamele mi dicevano di non andare più da Barbara a Live. Dicevano che era un massacro – ha puntualizzato l’ex corteggiatrice di Uomini e Donne – e che non dovevo andare. Però ogni volta che andavo aprivo la mente perché c’erano prove che smontavano tutto. Ho capito che era tutto finto a metà percorso. Per me la Prati inizialmente si è fatta incastrare. All’inizio era una truffa e lei vittima. Dopo quando ha visto che la situazione le sfuggiva di mano ha cercato di… Pamela era nel dimenticatoio e questa storia le stava portando notorietà. – ha continuato Eliana – I bambini sono sacri e su questo non si scherza. Vuoi essere protagonista? Parla del matrimonio, ma lascia stare i bimbi”.

E poi ancora: “Perché poi non dice chi è l’uomo della finta paparazzata? Quanti soldi ha preso? Chi era l’uomo della telefonata? Sentirmi dare della truffatrice non mi fa bene! Lei ha distrutto me, che l’ho sempre difesa in tv”.

Per poi concludere: “Chi ha sbattuto Pamela su una macchina? Dovrebbe fare i nomi! Fa accuse pesanti e parla al plurale. Anzi, se lei litigava con l’altra io la difendevo. L’altra faceva l’agente, ma non aveva la firma nell’agenzia. Io ero l’unica titolare. La Prati mi ha denunciata per truffa. Ma non metta me in mezzo, faccia i nomi. E poi Pamela mi ha preso in giro perché a me diceva ‘ieri ero con Mark e abbiamo portato i bambini a scuola’. Lei quando ha fatto la paparazzata sapeva già che lui non esisteva. Chi ha coinvolto i bambini? Solo una persona, sempre la stessa. Quella che ha accusato anche la vera madre. Mi assumo la responsabilità di ciò che dico qui adesso”.