Quantcast

Ballando con le Stelle, Enrico Montesano aveva già indossato la maglia fascista il 5 novembre

Ballando con le Stelle, ultime news e anticipazioni. L’espulsione dell’attore Enrico Montesano per aver indossato la maglia fascista durante le ultime prove del programma tv di Raiuno, condotto da Milly Carlucci, hanno scatenato una raffica di reazioni e polemiche.

Il caso era stato sollevato dalla giurata Selvaggia Lucarelli sui suoi profili social, scatenando un’ondata di indignazione da parte del popolo del web e dell’Anpi. A nulla sono valse le scuse pubbliche e social di Enrico Montesano.

A seguito delle polemiche, la Rai ha deciso di intervenire, scusandosi con i telespettatori per quanto accaduto e definendo la scelta di Montesano di indossare quella specifica t-shirt durante il programma, inaccettabile. Lui ha scelto di adire le vie legali e ha chiesto un incontro al presidente dell’Anpi poiché ha rivendicato il suo “rigoroso rispetto dei valori della libertà e democrazia” e ha ribadito come l’episodio in cui è “maldestramente caduto” vada imputato a “una leggerezza compiuta in assoluta buona fede”.

La Rai sta indagando per ricostruire come si sia arrivati alla messa in onda del filmato, registrato e montato prima della diretta del sabato sera. Una questione sollevata dallo stesso attore che, annunciando di aver dato mandato al suo legale, Giorgio Assumma, a tutela della sua identità e onorabilità, ha sottolineato che la maglietta era stata visionata a più riprese dai “rappresentanti della Rai” senza che nessuno muovesse obiezioni sulla “regolarità e liceità delle immagini”.

Ora si è scoperto che Enrico Montesano aveva già indossato quella maglia fascista il 5 novembre scorso sempre a Ballando con le Stelle. Milly Carlucci aveva pubblicato la foto di rito su Instagram prima della puntata con la (ormai ex) coppia in gara e l’attore usava la stessa t-shirt incriminata. Il post, dopo lo scandalo, è stato cancellato.

La denuncia dell’avvocato Assumma

“Non ho ancora tutti gli elementi per inquadrare compiutamente la situazione che è stata sottoposta al mio esame da Enrico Montesano. Ma un documento fotografico, diffuso in rete perché messo a disposizione dall’Associazione nazionale marinai d’Italia X Flottiglia Mas poche ore fa, mi induce a una riflessione significativa, che non credo possa essere contestata”. A dirlo è l’avvocato Giorgio Assumma, legale dell’attore espulso.

La foto menzionata dall'avvocato Giorgio Assumma
La foto menzionata dall’avvocato Giorgio Assumma 

“Nel documento fotografico – ha spiegato Assumma – è effigiato l’allora presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, affiancato da tutti i vertici delle forze armate: sono tutti sull’attenti per ricevere gli onori militari dalle associazioni d’arma presenti e schierate in occasione di una cerimonia pubblica. Si scorge chiaramente in prima fila un alfiere della rappresentanza della X Mas, anch’essa schierata, che regge ed espone il vessillo del reparto nel quale è riprodotto esattamente il simbolo impresso sulla maglietta indossata da da Enrico Montesano”.

E il legale ha concluso la sua nota con una riflessione: “Se l’esposizione di tale simbolo è stata ritenuta lecita e degna di rispetto dalle alte sfere della presidenza della Repubblica e dai vertici delle forze armate, come poteva destare sospetto di illegalità e offesa ai valori della Repubblica democratica nell’attore Montesano e nei tecnici della Rai addetti alla vigilanza sul programma?”.