Quantcast

Aurora Ramazzotti incinta di Goffredo Cerza, le sue prime dichiarazioni: “Ci vuole calma”

Aurora Ramazzotti è incinta di Goffredo Cerza. Primo figlio in arrivo per la socialite e personaggio tv. Michelle Hunziker ed Eros Ramazzotti diventeranno nonni molto presto. Dopo lo scoop lanciato dal settimanale di cronaca rosa Chi sulla sua gravidanza, Aurora Ramazzotti si è presa qualche giorno di silenzio sui social per poi ritornarci con una sua foto in cui è immortalata con un cappellino con visiera in testa: “Ci vuole calma”.

Aurora Ramazzotti e Goffredo Cerza – Foto: Instagram

Proprio Chi, poche settimane fa, aveva riportato che Michelle Hunziker e sua figlia avevano acquistato, in una farmacia in Sardegna, un test di gravidanza. Ebbene: il test era per Aurora che, dopo cinque anni di relazione con Goffredo Cerza, di professione business analyst, aspetta un bebè e diventerà mamma a gennaio.

Michelle Hunziker ed Eros Ramazzotti, genitori di Aurora, hanno confidato agli amici di essere felicissimi perché la famiglia ancora una volta si allarga; entrambi hanno vissuto la notizia della gravidanza con una forte emozione. In questo periodo si era vociferato anche di un ritorno di fiamma tra la conduttrice e il cantante che aveva fatto sognare i fan. Ma tale non era. Il riavvicinamento è, in realtà, frutto di questa splendida novità.

La love story di Aurora Ramazzotti e Goffredo Cerza

Aurora Ramazzotti e Goffredo Cerza si sono conosciuti nel 2016 e l’anno seguente sono diventati una coppia.

Un anno e mezzo fa Aurora aveva riservato una bellissima dedica d’amore al suo compagno: “C’era la luce quel giorno, filtrava dalla finestra socchiusa e il vento la soffiava sulla mia pelle. Sulla nostra pelle, spoglia. L’unico rumore era quello di due respiri congiunti al caos della città. Nella penombra di quei quattro muri le cose sembravano fluttuare naturalmente. Le ore passavano solo per le lancette degli orologi e non servivano parole, bastava quello. Eravamo avvolti da un silenzio delicatamente raro, di quelli che meritano rispetto e nessuna interruzione. Da sotto il suo mento lo osservavo mentre, con lo sguardo rivolto verso l’alto, elaborava qualche pensiero del quale io non ero a conoscenza. Ricordo la sensazione di voler tracciare con le mani ogni centimetro della sua pelle; prima la bocca, poi la mandibola, il naso, il petto e così andando, amandone ogni lembo e ogni imperfezione”.

Per poi concludere: “Sentivo già la sua mancanza nonostante fossimo ancora attorcigliati tra le lenzuola stropicciate della nostra forte passione. E ora che in questa stanza ci sono solo io, capisco. L’amore non fa male solo perché finisce, si sgretola o non viene rispettato. L’amore fa male anche quando è tanto forte da tramutarsi da astratto a fisico, da scavare un solco da qualche parte nel petto per ricordarti che senza l’altro sopravvivi, ma non sei mai realmente intero”.