Quantcast

Alex Belli ha detto no al GF Vip 7: “I concorrenti di questa edizione non mi ispiravano”

Alex Belli ha detto no al Grande Fratello Vip 7 di Alfonso Signorini per diversi motivi che il bellissimo e sexy attore e modello ha spiegato a Casa Pipol. Avrebbe potuto ricalcare le orme del chirurgo dei vip Giacomo Urtis, ma ha deciso di non partecipare.

L’ex concorrente del GF Vip 6, Alex Belli, ha spiegato: “La verità? C’è stata un’idea di poter fare un ingresso poi però alla fine dei conti dopo una grande stagione come quella dell’anno scorso, non me la sentivo. Anche perché i concorrenti che ci sono all’interno di quella Casa non mi ispiravano. Quest’anno purtroppo fin dall’inizio c’è stato un cast che aveva palesemente dei problemi, dal caso Bellavia in poi. Tutta una serie di cose che hanno appesantito un po’ il programma. È stato rifatto completamente il cast, infatti, però per usare un mio eufemismo non era il mio game. Così ho rifiutato”.

GF VIP 7, SIMONE DI MATTEO PARLA DEL CASO MARCO BELLAVIA

Secondo l’attore, anche quest’anno gli autori hanno voluto parlare di amore libero arruolando nel cast Giaele De Donà: “È chiaro che se una cosa l’anno scorso ha funzionato cerchino di riproporla in una chiave diversa ed è proprio questo il motivo per il quale io non ero convinto. Non sono uno che vuole fare il copia e incolla. Devi inventarti qualcosa di nuovo. Vi faccio un esempio: quest’anno hanno cercato di portare ancora l’amore libero, il triangolo, ma alla fine al pubblico non interessava più. È una roba che abbiamo già visto, snocciolato. La cosa bella dell’anno scorso è che tutto è nato per caso”.

E poi ancora: “Il nostro triangolo (quello fra lui, Soleil e Delia, ndr) sicuramente ha appassionato e ha diviso il pubblico. Era una storia che teneva incollato lo spettatore perché non c’era mai una risoluzione, non c’era mai un ending. Non c’era un vissero felici e contenti. C’era sempre un ‘che cosa succederà? Lo vedremo nella prossima puntata!’. Era tutto estemporaneo, era vivo. Ed era proprio questo che teneva lo spettatore”.